SPEDIZIONE STANDARD GRATUITA a partire da €26,90

0

Il tuo Carrello è vuoto

Scritto da Nutraceutica Biolife "set 21, 22" 4 Tempo di lettura

Solitamente si tende a pensare all’obesità e al sovrappeso come a problemi riguardanti essenzialmente le città e le aree fortemente urbanizzate. Una ricerca di qualche anno fa, pubblicata su Nature, ribalterebbe questo falso mito. La tendenza a ingrassare colpisce anche chi risiede nelle aree rurali. La qualità dell’alimentazione è molto importante, non solo la quantità dei cibi ingeriti.

Le ultime ricerche sul sovrappeso nelle aree della terra più povere

È forse per questa ragione che, secondo la ricerca, nelle aree dove si ha una minore possibilità di accesso alle cure migliori e al cibo di qualità, quelle in via di sviluppo, il problema del sovrappeso è molto più sentito che in altre regioni della terra. Sottolineiamo che si tratta di uno studio di qualche anno fa. Come abbiamo già evidenziato, il sovrappeso e l’obesità rappresentano secondo l’Oms un’emergenza mondiale.

L’estate penalizza la qualità del cibo?

Riprendendo il discorso sulla qualità dell’alimentazione, in estate si tende a lasciarsi andare; a curare meno il menu e ad accontentarsi di pasti che soddisfino soprattutto il gusto. Insomma, si perde un po' il controllo sulla qualità del cibo.

A risentirne è tutto l’organismo; i grassi in eccesso tendono spesso ad accumularsi in specifiche regioni del corpo, come la pancia.

Al rientro dalle vacanze, si può facilmente approntare un piano di recupero della forma fisica e cancellare le tracce degli eccessi estivi.

Cosa fare per avere un addome piatto

  • Per un addome piatto, occorre innanzitutto ingerire molta acqua. Almeno due litri di acqua al giorno; a potenziamento dell’effetto dell’acqua si possono assumere delle tisane per ridurre il gonfiore, come quelle a base di finocchio. Oltre a essere efficaci, contro il meteorismo, aiutano a sentirsi più leggeri e sono anche gradevoli nel gusto.
  • Tornare ad alimentarsi in maniera equilibrata (mangiando molta frutta e verdura) è la regola d’oro da seguire per riuscire a raggiungere l’obiettivo, per perdere cioè il peso accumulato durante le vacanze.
  • Anche lo stress del rientro al lavoro è un fattore che pesa sul metabolismo. Concedersi quindi dei momenti da dedicarsi, per esempio programmando, presso centri specializzati, dei massaggi localizzati in zona addominale (se l’obiettivo è avere un ventre piatto) può essere d’aiuto.
  • Un altro importante consiglio riguarda le bevande zuccherate e le fritture: meglio evitarle. Assumere invece probiotici e fermenti lattici per aiutare il microbiota a recuperare il suo equilibrio. Fare attività fisica favorisce lo snellimento della pancia e di altre parti del corpo, potenziando la muscolatura. Sarà bene rafforzare i muscoli per poter di conseguenza sostenere anche il benessere delle ossa.

Attività fisica e integratori consigliati

Il programma di recupero della forma perduta si gioca soprattutto a tavola e in palestra (oppure ovunque si decida di svolgere una moderata e regolare attività fisica). L’alimentazione può essere integrata con prodotti naturali, adatti a contenere lo stimolo della fame, a favorire il consumo delle calorie in eccesso e a regolare il metabolismo. È essenziale anche disintossicare il fegato.

Gli integratori utili per perdere peso e avere un addome piatto e tonico

  • Il carbone attivo vegetale  in capsule migliora la digestione, contrasta il meteorismo, disintossica, combatte l’acidità e il reflusso gastroesofageo.
  • La chancapiedra è in grado, tra le altre cose, di contrastare i calcoli renali, depurare il fegato, regolare il sistema cardio-circolatorio; è un protettore gastrico, antinfiammatorio ed è anche un ipoglicemizzante.
  • L’Agaricus stimola i meccanismi di depurazione del fegato, si impiega per il controllo del senso della fame ed è utilizzato anche come coadiuvante delle terapie per trattare la colite ulcerosa.
  • Ottenere un effetto diuretico e depurativo, essenziale se si vuole dimagrire, è più semplice se si ricorre all’uso di specifiche tisane. L’infuso a base di canapa sativa non è un prodotto lassativo, ma aiuta la digestione e ha un effetto detossinante.
  • Gli omega 3 e la curcumina hanno effetti straordinari (elencati nei paragrafi che seguono)

La curcumina e le sue proprietà digestive

Degli effetti positivi della curcumina, riconosciuti anche a livello scientifico, abbiamo già scritto. Ma vale la pena riprendere le informazioni su questo principio attivo dalle molteplici proprietà. In particolare, ci soffermiamo sull’integratore Biolife Curcumin Plus di ultimissima generazione, adatto anche ai vegani, così come gli altri prodotti citati.

Scopri il nostro Biolife Curcumin Plus

È un prodotto 100% italiano, in una nuova formulazione, contenente curcuma approvata dal Ministero della Salute. Si tratta dell’integratore italiano con la più alta biodisponibilità; è l’unico in soluzione orale (una formulazione che ne garantisce l’immediato assorbimento), ha un gusto piacevole (fragola e frutti di bosco) ed è adatto ai vegani. Secondo le indicazioni del Ministero della Salute, assumere quotidianamente un integratore di curcuma aiuta a favorire e migliorare:

  • la funzione digestiva,
  • la funzione epatica,
  • la funzionalità del sistema digerente,
  • la funzionalità articolare,
  • contrasta i disturbi del ciclo mestruale.

Scopri il nostro Biolife Omega 3 Vegan

Si tratta di un integratore alimentare a base di Olio di Canapa, DHA, Vitamina E e Vitamina D3. Una formulazione appositamente studiata per fornire il giusto apporto di acidi grassi Omega 3 e vitamine che consentono di soddisfare i fabbisogni nutrizionali.

Perché gli omega 3 aiutano a perdere peso

  • Gli acidi grassi Omega 3 EPA e DHA contribuiscono ad abbassare, tra le altre funzioni, i livelli di insulina, mentre le calorie in eccesso vengono bruciate.
  • Inibiscono l’accumulo del grasso e favoriscono il metabolismo, aiutando a bruciare i grassi più velocemente e sostenendo le funzioni epatiche.

L’olio di canapa contenuto nel prodotto Biolife è ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi della Cannabis sativa, è utilizzato a scopo alimentare e ricco di acidi grassi polinsaturi (acido linolenico), amminoacidi e proteine.

La combinazione di olio di canapa e olio vegetale algale, ricco di DHA, è molto equilibrata e ne fa un olio di primaria importanza alimentare. Il DHA è estratto da una microalga marina, la Schizochytrium, composta da ammassi di organismi unicellulari e ricca di numerosi acidi grassi, che in seguito a processo fermentativo, vengono isolati e purificati.

La versione algale, autorizzata secondo il regolamento Novel Food, è adatta ai vegetariani e ai vegani ed è completamente esente da inquinanti ambientali; ha un profilo organolettico migliore. Si tratta di prodotti ecosostenibili, e anche per questa ragione sono molto richiesti. Chiedere consiglio al medico, prima di assumere un qualsiasi integratore, è sempre raccomandato.