SPEDIZIONE STANDARD GRATUITA a partire da €26,90

0

Il tuo Carrello è vuoto

Scritto da Nutraceutica Biolife "gen 26, 22" 3 Tempo di lettura

Proprietà e benefici del Sacha Inchi 

Il suo nome scientifico è Plukenetia volubilis e cresce nella foresta amazzonica. Conosciuta come Sacha Inchi o arachide dell’Inca, la pianta è usata a scopo officinale, soprattutto per i suoi nutrienti. Attraverso la tecnica dell’estrazione a freddo (che ne mantiene intatte le proprietà e inalterata la genuinità), se ne impiegano in particolare i semi e l’olio. Ha percentuali elevate di omega 3, 6 e 9 e di altri grassi polinsaturi, contiene inoltre diverse vitamine, sali minerali e aminoacidi essenziali. Per queste ragioni è molto popolare in diverse parti del mondo e utilizzata ampiamente nella nutraceutica.

La storia del Sacha Inchi

Le origini di questa pianta rampicante sono in Perù. Sembra che gli Inca decorassero le loro creazioni in ceramica con raffigurazioni della Plukenetia, ereditando una vecchia consuetudine delle popolazioni precedenti. È una pianta che può essere usata a scopi decorativi, per le sue foglie color verde brillante e per il particolare guscio a stella che custodisce i semi.

Le proprietà del Sacha Inchi

L’olio che si ottiene dal Sacha è costituito per oltre il 48% da omega 3, per il 36% da omega 6 e per la restante parte da omega 9. Ricco di vitamina A e Vitamina E contiene anche diversi sali minerali, aminoacidi essenziali contenuti. Ottima la concentrazione di antiossidanti naturali, indispensabili per controllare i radicali liberi.

I semi di Sacha Inchi contengono inoltre triptofano, un precursore della serotonina. L’olio di Sacha Inchi è piuttosto leggero, quindi facilmente digeribile, a differenza di altre sostanze oleose ricavate dai vegetali. La pianta contiene anche iodio, altro elemento indispensabile per l’organismo umano.

I benefici del Sacha Inchi

Le sostanze che si ottengono dalle piante di Sacha Inchi combattono l’invecchiamento delle cellule; poiché i semi sono ricchi di triptofano possono costituire un valido aiuto contro l’obesità: gli estratti dei suoi semi riescono, secondo diversi studi, a controllare l’appetito. Sono inoltre ottimi per rinforzare il sistema immunitario.

Il Sacha Inchi è utile anche per colmare eventuali carenze di iodio. Secondo alcune ricerche, ancora in fase sperimentale, tali carenze potrebbero essere la concausa della genesi di alcune forme di tumore. I principi attivi della pianta amazzonica, inoltre, sono fondamentali nelle terapie di supporto indicate per una serie di problemi e patologie, anche di carattere dermatologico.

Ma sembra che gli estratti di Sacha esercitino i loro benefici maggiori sull’apparato cardiovascolare. Il consumo regolare e costante di olio di Sacha Inchi aiuterebbe a ridurre il colesterolo e a tenere sotto controllo la pressione. Vegetariani e vegani traggono dall’assunzione di prodotti a base di sacha inchi un’integrazione importante di sostanze nutritive.

I migliori integratori di Sacha Inchi

Come fare per introdurre nella dieta alimentare gli estratti di Sacha Inchi?

La via più veloce e più semplice è rappresentata dagli integratori a base di arachide dell’Inca.

Tali prodotti, da assumere dopo aver sentito il parere del medico, possono essere impiegati con finalità diverse. I benefici dell’olio di Sacha Inchi sono visibili anche sulla pelle, su unghie e capelli, che risultano più forti e dall’aspetto più sano.

Esistono diversi integratori alimentari che hanno i principi attivi della pianta amazzonica nella loro composizione. Le capsule molli di olio Sacha Inchi Inkanat sono biologiche e di facile assunzione. Il loro consumo costante, oltre ad arrecare i benefici già elencati, aiuta a ridurre il senso della fame, favorisce la digestione, la riduzione della glicemia e la perdita di peso.

Le controindicazioni nell'assumere Sacha Inchi

L’assunzione non presenta possibili effetti collaterali o particolari controindicazioni, nelle dosi consigliate. In caso di problemi alla tiroide, dato il contenuto di iodio, è bene consultare il parere del proprio medico. In ogni caso, è opportuno informarlo sempre dell’assunzione di integratori alimentari. Non si raccomanda l’uso alle donne in gravidanza o durante il periodo dell’allattamento.