Scritto da Nutraceutica Biolife "apr 29, 21" 3 Tempo di lettura

Lo stress è un fenomeno oramai conosciuto e misurabile in base ad alcuni parametri fisiologici facilmente calcolabili. Alla lunga, lo stress ambientale causato dallo stile di vita, dagli impegni serrati e, in generale, dalla quotidianità, può comportare gravi danni alla salute, per questo è bene correre ai ripari finchè si è in tempo assumendo degli integratori specifici, che danno minori effetti collateriali rispetto ai farmaci. In particolare aumente la vulnerabilità dell’organismo contro agenti patogeni esterni. Si può quindi sostenere che lo stress è strettamente legato all’insorgenza di malattie infettive, disturb gastrointestinali e non solo.

L’AHCC®, ad esempio, è una molecola i cui effetti antistress sull’organismo sono stati ampiamente provati. Si tratta di un immunomodulatore che contiene polisaccaridi lineari e viene estratto dal micelio del fungo Shiitake.

Numerosi studi condotti sia in Giappone, dove il fungo Shiitake è molto noto e da tempo usato per le sue potenzialità curative, sia nel resto del mondo, dove da qualche decennio è usato in medicina come coadiuvante naturale di terapie importanti come quelle oncologiche, hanno dimostrato che l’AHCC® è uno stimolante del sistema immunitario che agisce in particolare sui linfociti Natural Killer e sulle cellule dendritiche. Questa importante molecola attiva i recettori che si trovano sulla membrana plasmatica dei macrofagi aumementando la produzione di citochine e richiamando cellule immunitarie. Per questo è la componente principale di numerosi integratori specifici per il rafforzamento del sistema immunitario come NK Life AHCC®, molto utile per combattere le infezioni virali e batteriche.

Quando si è stressati aumenta l’ormone cortisolo, che viene prodotto nel surrene e che sopprime le normali funzionalità delle difese immunitarie.  In questi casi è consigliata l’assunzione dell’integratore di AHCC® per contrastare gli effetti negativi sul sistema immunitario. Al contrario, si sconsiglia l’uso ai soggetti in terapia immunosoppressiva.

Un interessante studio clinico ha misurato con il Test di Schellong i parametri dipendenti dall’attivazione del sistema nervoso simpatico e parasimpatico, ovvero polso arterioso e pressione, a due gruppi di persone, l’uno trattato con AHCC®  e l’altro con un placebo. Partendo dalla misurazione del livello di stress iniziale e procedendo con una misurazione ad intervalli diversi e in posizioni diverse del paziente (in piedi o sdraiato), si è dimostrato che il gruppo di pazienti che aveva assunto AHCC®  aveva una maggiore attivazione del sistema nervoso parasimpatico mentre il gruppo che aveva assunto il placebo, al contrario, presentava una maggiore attivazione del sistema simpatico. Le analisi ematiche hanno invece misurato livelli di linfociti Natural Killer più alti nei soggetti trattati con AHCC.

Si ricorda che il sistema nervoso simpatico e parasimpatico sono due rami del sistema nervoso autonomo i quali si attivano alternativamente l’uno all’altro. Il simpatico reagisce allo stress in difesa di qualche stimolo percepito come pericoloso (meccanismo attacco-fuga) mentre il parasimpatico entra in azione in condizioni di rilassamento e normalità. La condizione parasimpatica è dunque quella maggiormente presente nei soggetti non stressati.

L’AHCC®  agisce con effetto immunostimolante diminuiendo i sintomi dell’attivazione del sistema nervoso simpatico e aumentando le cellule immunitarie, dunque proteggendo dalle malattie infettive. Gli studi finora effettuati in merito alla correlazione tra assunzione di AHCC®  e riduzione dello stress hanno interessato maggiormente lo stress mentale e di tipo psicologico, mentre sarà più difficile rappresentare in maniera chiara e inconfutabile la sua azione sullo stress ambientale, che di per sè è una condizione molto complessa e che varia di soggetto in soggetto.

E’ comunque innegabile che vi sia un legame tra la diminuzione dei parametri stressori fisiologici e l’assunzione di un integratore come NK Life AHCC®, che rafforza la risposta immunitaria aiutando a mantenere lo stato di salute in soggetti sani.