Scritto da Nutraceutica Biolife "mar 11, 21" 2 Tempo di lettura

L’AHCC è una molecola estratta dal fungo shiitake, noto da sempre nelle medicina tradizionale cinese e giapponese e oggi utilizzato anche dalla medicina occidentale come importante coadiuvante di varie terapie. Grazie al suo basso peso molecolare, entra integra nelle cellule ed espleta in toto la sua azione immunomodulante, rendendosi particolarmente utile nei casi di malattia cronica di origine autoimmune, nella terapia dell’HPV, contro i sintomi avversi della chemioterapia e, in generale, per rafforzare le difese immunitarie dei pazienti. Inoltre inibisce le reazioni infiammatorie specifiche ed autoimmuni.

Numerosi studi clinici hanno messo in luce come l’AHCC sia in grado di coordinare la risposta infiammatoria contro agenti patogeni come quelli responsabili della congiuntivite allergica, mantenendo l’omeostasi delle cellule immunitarie attivate.

La congiutivite allergica è un disturbo piuttosto comune della congiuntiva causato da una reazione allergica. Gli allergeni aerei sono tra le sostanze che maggiormente causano questa malattia. I sintomi tipici sono: arrossamento dell’occhio, lacrimazione, gonfiore, secrezioni nasali e stimolo a starnutire. Le terapie sono sintomatiche e consistono nell’applicazione locale di colliri antistaminici e corticosteroidi e lacrime artificiali.

La congiuntiva è la membrana interna della palpebra che, quando si chiude l’occhio, entra a contatto con la sclera dell’occhio ed è ricca di mastociti, cellule del sistema immunitario che liberano istamina, un mediatore chimico infiammatorio, in reazione ad uno stimolo causando l’infiammazione oculare tipica delle allergie. Non tutte le congiuntiviti allergiche sono uguali, talune possono essere più gravi di altre e perdurare più a lungo: la febbre da fieno è stagionale mentre la congiuntivite allergica è annuale, per citare due esempi di congiuntivite tra i più comuni. In primavera si scatena invece la cheratocongiuntivite primaverile che colpisce i ragazzi fino a 20 anni e si caratterizza per sintomi ben precisi quali eczema, asma o manifestazioni cutanee, senza dimenticare la cornea che può subire piccole lacerazioni e fotosensibilità. e talvolta interessa anche la cornea, provocando lo sviluppo di piccole ulcere dolorose e sensibili alla luce solare.

Perchè l’organismo reagisce contro antigeni inoffensivi scatenando importanti allergie? Ciò accade negli organismi il cui sistema immunitario reagisce in maniera anomala verso molecole non patogene ma non si conosce con precisione il motivo.

Oggi la ricerca si sta concentrando su un campo nuovo: la modulazione del sistema immunitario. Si tratta di insegnare alle cellule del sistema immunitario a reagire solo agli agenti patogeni e a non attaccare le strutture proprie dell’organismo nei soggetti autoimmuni. L’AHCC è una delle molecole più promettenti in tal senso perchè agisce da immunomodulatore delle difese immunitarie, contrastando i sintomi derivanti dall’infiammazione causata dalla congiutivite allergica.

Fonti