Scritto da Nutraceutica Biolife "ott 14, 21" 3 Tempo di lettura

Le proprietà del Camu Camu

Siamo tutti diversi e ciascun organismo reagisce in maniera differente al cibo o alle sostanze medicinali o ancora ai prodotti della ricerca nutraceutica. Quel che vale per tutti è che una cattiva alimentazione apre la strada a disturbi e malattie. Alimentarsi nella maniera più adeguata alle esigenze del fisico non è poi così difficile, spesso però i ritmi della vita lavorativa impediscono pasti sani, da consumarsi negli orari più favorevoli al metabolismo.

Premesso che è importante correggere le abitudini alimentari, se sono sbagliate, si può ricorrere, quando il caso lo richiede, all’introduzione, nella dieta, di specifici integratori alimentari. La maggior parte di questi prodotti, anche quando contengono i cosiddetti super food (cibi solitamente esotici dai benefici più diversi) vanno comunque (come il termine integrazione suggerisce) assunti nell’ambito di un regime alimentare sano e di una vita dinamica.

Cosa è il Camu Camu: Storia dell’arbusto amazzonico

Prendiamo il Camu Camu. Il suo nome è divenuto rapidamente, nella cultura occidentale, sinonimo di benessere. Scientificamente denominato Myrciaria dubia, è un arbusto della famiglia delle Myrtaceae ed è originario della foresta amazzonica. Lo si coltiva prevalentemente per gli estratti che si ricavano dalle sue bacche rosse e viola. Frutti ricchissimi di vitamina C.

Gli Indios dell’Amazzonia coltivano questa pianta da centinaia di anni, sia per l’impiego in ambito officinale, sia per le sue caratteristiche, come cibo nutriente e sano, anche se il sapore dei frutti è asprigno (non esattamente piacevole). Gli arbusti si trovano in acqua, per questa ragione in passato (e ancora oggi, in alcuni casi), i frutti venivano raccolti con l’aiuto di canoe. Negli anni Cinquanta le autorità peruviane avviarono degli studi per individuare le proprietà salutari del camu camu. Studi che resero la pianta molto richiesta all’estero.

I frutti dell’arbusto contengono vitamina C in quantità superiori persino all’arancia (60 volte di più). Gli abitanti delle aree in cui la pianta si sviluppa la impiegavano anche per la cura dei capelli.

Caratteristiche del Camu Camu

Le sostanze contenute nel Camu Camu sono diverse: dalla vitamina C agli aminoacidi che l’organismo non riesce a produrre (valina, leucina, serina), al potassio. Alto il contenuto di flavonoidi, composti antiossidanti efficacissimi contro i radicali liberi, acido gallico e acido ellagico.

Questo concentrato di elementi renderebbe il Camu Camu un formidabile alleato della salute. L’assunzione di capsule vegetali di Camu Camu 100% puro e naturale e senza additivi né conservanti è indicata in molteplici situazioni.

Perché si usa il Camu Camu?

I principi attivi contenuti nei frutti dell’arbusto hanno capacità antinfiammatoria. Secondo alcuni studi sono utili nella prevenzione dei tumori; sono ottimi per la vista e agirebbero persino contro le malattie neurodegenerative. Il Camu Camu favorisce altresì la fertilità, migliora il tono dei muscoli, e alcune ricerche hanno evidenziato i suoi effetti positivi nei soggetti con depressione. Il Camu Camu è ottimo anche per rinforzare le difese immunitarie, e in questo momento ne abbiamo tutti un gran bisogno. Ha anche funzione antibatterica e antivirale, abbassa, in quanto rilassante, la pressione e mantiene stabile nel corpo il livello di collagene, indispensabile per la pelle, per i muscoli, per le ossa e i capelli.

Inoltre, l’assunzione di integratori a base di questa pianta migliorerebbe il metabolismo degli zuccheri, aiutando a contenere il peso corporeo.

Effetti collaterali del Camu Camu

Prima di assumere un integratore a base di Camu Camu è sempre bene consultare il medico. In ogni caso, l’uso del prodotto non è consigliato a chi soffre di problemi all’apparato gastrico, chi ha ulcere, gastriti o ernia iatale, per il semplice fatto che il camu camu stimola la produzione di succhi gastrici. La vitamina C favorisce l’eliminazione di renella e residui, per cui anche chi ha una calcolosi renale dovrebbe contenere l’utilizzo di integratori di questo tipo.